SEARCH MENU CLOSE
Centro di fecondazione assistita Praga, Repubblica Ceca
Close Image
Centro di fecondazione assistita Praga, Repubblica Ceca
Articoli

Com’è la gravidanza dopo un trattamento di PMA (fecondazione assistita)

7.10.2021 · 3 min lettura
Com’è la gravidanza dopo un trattamento di PMA (fecondazione assistita) thumbnail

Il momento che stavi aspettando, il sogno che rincorrevi e per cui hai lottato... si è avverato! Aspetti un bambino e diventerai genitore tra pochi mesi. In cosa può essere diversa la gravidanza dopo la fecondazione assistita, come si calcolano le settimane di gravidanza e cosa è bene tenere in considerazione?

Come capire che il trattamento è andato a buon fine?

L’attesa di due settimane che ti aspetta dopo il transfer dell’embrione può essere un’esperienza stressante con una vasta gamma di emozioni, spesso si inizia ad osservare che qualcosa sta cambiando nel corpo. Sebbene i medici raccomandino di non eseguire il test prima di dodici giorni dopo il transfer, possono comparire i primi sintomi possono che indicano che il trattamento ha avuto successo. I più comuni sono sanguinamento leggero o spotting, crampi, dolore toracico, affaticamento fino allo sfinimento, nausea, gonfiore, cambiamenti intestinali, aumento della necessità di urinare e assenza di mestruazioni. Tuttavia, ti assicuriamo che un’ampia percentuale di donne potrebbe non manifestare nessun sintomo, nonostante una gravidanza iniziata, quindi il fatto che non siano comparsi non significa nulla.

Il calcolo delle settimane di gravidanza dopo un trattamento di PMA

Una volta che il test di e poi il medico confermeranno che si è instaurata una gravidanza, sarai sicuramente interessata a quante settimane sei e quando vedrai il bambino dei tuoi sogni faccia a faccia.  Il conteggio delle settimane dopo la fecondazione assistita funziona allo stesso modo di una gravidanza naturale, ovvero in base alla data dell’ultima mestruazione. Tuttavia, l’età del tuo bambino è determinata anche dall’esame ecografico che ti aspetta durante lo screening del primo trimestre.

In che cosa è diversa la gravidanza dopo un trattamento di fecondazione assistita?

È naturale che una donna che non è riuscita a concepire in modo naturale viva la gravidanza in modo diverso da una donna che non ha avuto problemi a rimanere incinta. Enorme gioia, sentimenti di gratitudine e felicità, ma anche più paura, molti dubbi, preoccupazioni e sentimenti di “incredulità” di diventare genitori in pochi mesi.  Ecco come le madri che si sono sottoposte alla fecondazione assistita descrivono le loro esperienze. Oltre al fatto che il percorso verso la genitorialità è diventato molto più forte, conoscono anche per esperienza personale possibili complicazioni e sentimenti passati di profonda delusione. La gravidanza dopo un trattamento di PMA può essere un’esperienza emotivamente diversa rispetto alla gravidanza naturale, ma ti assicuriamo che tutti questi sentimenti sono perfettamente normali.

Gravidanza multipla

Con i trattamenti di PMA, specialmente se vengono trasferiti più embrioni, aumenta la probabilità di gravidanza multipla, quindi le possibilità di diventare genitori di gemelli sono maggiori.  Anche se pensi che dopo tante difficoltà sarebbe bello avere più “miracoli”, una gravidanza del genere non è naturale per la madre ed è associata a maggiori rischi sia per lei che per il feto, in particolare aumenta la possibilità di parto pretermine, taglio cesareo e basso peso alla nascita.

Quando la gravidanza non va a buon fine…

Sebbene nella maggior parte dei casi la gravidanza dopo un trattamento di PMA sia completamente priva di complicazioni, è consigliabile prendere in considerazione altri possibili rischi associati alla fecondazione assistita e alla successiva gravidanza. Durante l’esame ecografico, eseguito circa 2 settimane dopo il test di gravidanza positivo, il medico controlla la frequenza cardiaca del bambino e contemporaneamente il suo posizionamento nell’utero – eliminando così la possibilità di gravidanza extrauterina, che riguarda circa il 2% delle donne che hanno effettuato un trattamento di PMA. Va detto che la cosiddetta gravidanza biochimica può verificarsi prima dell’ecografia stessa, in questo caso il test di gravidanza è positivo, ma intorno alla 1a-2a settimana dopo l’annidamento dell’embrione, avviene un aborto spontaneo. Un caso simile, che si verifica molto più tardi, con un aborto spontaneo senza perdite, durante la quale il feto nell’utero smette di svilupparsi e muore. Il processo di aborto spontaneo senza perdite è infido in quanto il corpo femminile continua a produrre ormoni della gravidanza, i classici sintomi della gravidanza persistono e la donna spesso non ha idea di quale tragedia sia avvenuta all’interno del suo corpo.

Gravidanza a rischio

Se sei una futura mamma che ha effettuato un trattamento di fecondazione assistita, non significa automaticamente che la tua gravidanza sia a rischio: se non hai problemi e il tuo medico valuta che tu e il tuo bambino non siate in pericolo, sarai sottoposta ai normali controlli standard prescritti. Al contrario, le madri che necessitano di una supervisione specialistica e sono state valutate come “a rischio” seguono un regime prescritto che nella maggior parte dei casi non richiede il ricovero in ospedale: il più delle volte si tratta di stare a riposo, seguire una dieta ricca, non fare sforzi e mantenere una tranquillità psichica. Se la tua gravidanza è a rischio, stai svolgendo un lavoro mentalmente o fisicamente impegnativo, hai avuto precedenti gravidanze senza successo, il tuo medico ti consigliera di rimanere nel cosiddetto congedo per malattia Le passeggiate durante l’inabilità al lavoro sono consentite dal medico per un massimo di 6 ore al giorno.

Fissa un appuntamento per la prima volta

Fai il primo passo per curare l'infertilità

Contact Icon
Invia la tua domanda scrivici Ti contatteremo entro il giorno lavorativo successivo
Help Line Lady
o chiama il coordinatore +420 725 424 023 Siamo online dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 16:30
Contattaci