SEARCH MENU CLOSE
Centro di fecondazione assistita Praga, Repubblica Ceca
Close Image
Centro di fecondazione assistita Praga, Repubblica Ceca
Articoli

Che cos’è la fecondazione assistita e come avviene?

2.9.2021 · 4 min lettura
Che cos’è la fecondazione assistita e come avviene? thumbnail

Quando si parla di PMA probabilmente viene in mente l’associazione “bambino in provetta”. A causa dell'aumento vertiginoso dell'infertilità questo acronimo si è sbarazzato dell'etichetta di "grande sconosciuto" nel corso degli anni ed è ora uno dei metodi che realizzano ogni anno il grande sogno di centinaia di coppie.  Cosa si nasconde sotto questa sigla e come funziona effettivamente la fecondazione in vitro?

Che cos’è la fecondazione assistita?

La fecondazione in vitro (FIVET) si riferisce all’unione di un ovocita e di uno spermatozoo al di fuori del corpo della donna, che avviene “in vitro” in laboratorio.  Gli ovociti e lo sperma vengono raccolti direttamente dalla coppia che desidera un bambino ma, nei casi in cui la coppia non riesca a concepire utilizzando le proprie cellule, vengono utilizzati per il trattamento di fecondazione assistita ovuli e/o lo sperma da donatori anonimi idonei.

Il trattamento di fecondazione assistita passo dopo passo

Prima che avvenga il processo “in vitro”, vi aspettano alcuni passaggi da effettuare. Diamo un’occhiata a quello più difficile: come riconoscere che qualcosa non va bene con la tua fertilità e dopo quanto tempo ci si deve rivolgere ad una clinica di medicina riproduttiva? Il fatto che ci sia qualcosa che non va qualcosa inizia passare per la testa della maggior parte delle coppie dopo alcuni tentativi falliti, ufficialmente si considera l’infertilità se non è avvenuto il concepimento dopo un anno di rapporti non protetti tuttavia, le coppie di età superiore ai 35 anni dovrebbero chiedere aiuto dopo soli 6 mesi di tentativi

Poiché l’età gioca un ruolo importante nel successo del trattamento di fecondazione in vitro, ti consigliamo di non aspettare e intraprendere questo viaggio che ha in tutto 10 tappe importanti:

  1. Consulto iniziale in clinica
  2. Valutazione della capacità riproduttiva della coppia (esami della donna e dell’uomo)
  3. Scelta del metodo più adatto per trattamento dell’infertilità
  4. Consiglio sulle tecniche laboratorio che aumentano le possibilità di successo
  5. Stimolazione ormonale
  6. Prelievo ovocitario e raccolta del liquido seminale
  7. Fecondazione in vitro
  8. Coltivazione degli embrioni
  9. Transfer dell’embrione
  10. Test di gravidanza positivo

Presentiamo i singoli passaggi in dettaglio qui.

FIVET e IUI (inseminazione)

Iniziamo facendo chiarezza su due termini importanti che spesso vengono confusi: la FIVET è diversa dall’inseminazione. Nella FIVET l’ovocita e lo sperma per la fecondazione vengono messi in una provetta e gli embrioni vengono successivamente coltivati ​​in laboratorio, mentre l’inseminazione si facilita solo il passaggio dello sperma nell’utero attraverso un catetere sottile. Ciò assicura che gli spermatozoi evitino l’ambiente della vagina e della cervice e raggiungano l’ovocita molto prima. L’inseminazione è di solito il primo metodo scelto, quando le cause di infertilità sono legate ad una bassa qualità del liquido seminale o l’ovulazione irregolare nella donna.

Questo tipo di trattamento, più semplice è completamente indolore, si effettua nel momento dell’ovulazione e può essere eseguito sia su ciclo naturale che con il supporto ormonale.  Se lo sperma del partner non può essere utilizzato, le coppie molto spesso decido di utilizzare il liquido seminale di un donatore.

Chi può sottoporsi ad un trattamento di fecondazione assistita?

Il trattamento presso le cliniche di PMA può essere effettuato alle seguenti condizioni: per prima cosa per legge l’età della donna il giorno del transfer dell’embrione non deve superare i 48 anni + 364 giorni. Sebbene non sia obbligatorio che la coppia sia sposata è necessario avere un partner: il trattamento di fecondazione assistita è considerata una terapia di coppia e il partner del sesso opposto deve darne il consenso. Pertanto la legislazione ceca non consente i trattamenti di PMA per le coppie lesbiche o le donne single.

Come terzo punto non è possibile scegliere il sesso del bambino.  In quarto luogo, la donazione di ovociti e sperma è rigorosamente anonima e, infine la compagnia assicurativa paga per il trattamento delle pazienti fino a 39 anni, il numero di coperti dipende anche dal numero di embrioni trasferiti (massimo 4 cicli di trattamento)

Sul tasso di successo della fecondazione in vitro influisce l’età e i metodi di laboratorio

Quando si sceglie un centro di PMA, il tasso successo del trattamento di fecondazione in vitro è il criterio principale con cui molte coppie decidono. Oltre all’età della donna, che svolge un ruolo chiave nel successo del trattamento dipende anche dall’esperienza dei medici, dalle attrezzature tecnologiche dei laboratori e dai moderni metodi di laboratorio delle singole cliniche, che aumentano la probabilità di gravidanza e parto di un bambino sano.

I metodi più popolari includono la ICSIMicrofluidic sperm sorting chipsHalospermEmbryoscope e hatching assistito. Il tasso di successo  è inoltre notevolmente potenziato dai transfer ripetuti di embrioni congelati, che vengono ottenuti e congelati durante il primo ciclo di fecondazione in vitro in modo che possano essere utilizzati in caso di primo fallimento. Per le clienti con ripetuti insuccessi della fecondazione in vitro classica si aumenta sensibilmente la possibilità di successo è data dai programmi di donazione in cui vengono utilizzati solo ovociti di donatrici giovani e sane.

Quali sono i rischi dei trattamenti di fecondazione assistita?

Se c’è un campo che negli ultimi decenni è salito ai vertici in termini di cure e metodi moderni, è quello della medicina riproduttiva. Al giorno d’oggi, quindi, i rischi associati alla FIVET sono minimi – solo raramente complicano il trattamento con ormoni, con la cosiddetta iperstimolazione (OOHS) che aumenta il volume delle ovaie associato al dolore pelvico, occasionalmente può esserci un accumulo di liquido nella cavità addominale. Tuttavia, la medicina moderna può ridurre i sintomi e l’iperstimolazione si attenua poi spontaneamente.

La gravidanza ottenuta grazie ad un trattamento di PMA di per sé non è diversa dalla gravidanza classica e non significa che tu sia più a rischio rispetto al concepimento naturale. Non dobbiamo dimenticare, però, l’unica differenza: quando si trasferiscono più embrioni, c’è una maggiore possibilità che l’ecografia non mostri solo un solo sacco vitellino ma due.

Fissa un appuntamento per la prima volta

Fai il primo passo per curare l'infertilità

Contact Icon
Invia la tua domanda scrivici Ti contatteremo entro il giorno lavorativo successivo
Help Line Lady
o chiama il coordinatore +420 725 424 023 Siamo online dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 16:30
Contattaci